• Carla Magnan
  • 24 Giugno 2019

LEGERE FLORES, tra materia e figura

Legere flores di Carla Magnan rivela il lavorio di equilibrio dialettico tra materia e figura, che ha costituito l’orientamento prevalente – almeno in Italia – nella generazione dei nati nei decenni intorno al 1960, con un accento speciale (almeno negli ultimi decenni) proprio nel recupero più cospicuo dell’asse materico; organismi sonori vengono plasmati in un respiro ciclico del tempo e della materia, con una notevole capacità – grazie a un adeguato arsenale d’emissioni – di muovere le gradazioni di trasparenza e di (dis)integrazione del flusso strumentale.
Alessandro Mastropietro, il Giornale della Musica

0 Comments

Leave a comment

Recent posts

  • ©with the soloists from the NYMCS and R. Tagliamacco, L. Ginanni, D. Lo Re, O. D’Alessio, D. Kotelnikova, D. Viziano, L. Czae, C. Magnan. G. Ricciardi and A. Cardinale. Scalinata Borghese, Genova, 2020

    Read more >>
  • ©with the soloists from the NYMCS: Giovanni Ricciardi, Youkyong Julia Yoon, SeungHee Cha, Carla Magnan, Lynn Czae and Dokjin Oh. Conservatorio “N. Paganini”, Genova, 2020

    Read more >>
  • ©Carla Magnan with the President of NYMCS Lynn Czae. Conservatorio N. Paganini, Genova, 2020

    Read more >>

Tags